CHI SIAMO
AUDIOTEL
VOCE
INTERNET
NEWS
CONTATTACI
Buon Pomeriggio
Venerdi  23  Febbraio  2018
servizi e mezzi per le telecomunicazioni
NEWS
ALTRE NEWS
Tra Stelle e Nuovo Stadio: nel marketing c´è qualcosa che non va


Partiamo con una premessa, il nuovo progetto della casa bianconera lo riteniamo straordinario, rivoluzionario per un paese come l’Italia, e lo seguiamo dalla nascita di questo con grandissimo entusiasmo e cercando di fare da cassa di risonanza, orgogliosi di rappresentare, come spesso accaduto alla Juventus nella sua storia, l’eccellenza italiana da mostrare al mondo.

Ci sembra però altrettanto doveroso sottolineare ciò che attualmente non funziona, più che nei progetti pratici, nella gestione delle leve di marketing e comunicazione, che pure sono state abilmente utilizzare anche negli ultimi mesi, affrontando due temi specifici, la gestione dei tifosi che acquistano una Stella, e la comunicazione ufficiale gestita attraverso il sito dedicato al nuovo Stadio.

STELLE AD INTERMITTENZA

Tutto nasce dalla nostra grande passione per i colori bianconeri. Chi scrive è un cronista, ma innanzitutto un tifoso della Juventus, e come tale si è fatto trascinare dall’iniziativa che permette di mettere il proprio nome accanto a quello del proprio beniamino, o di fare questo splendido regalo ad un altro tifoso della Vecchia Signora. Accade così che ad inizio ottobre si decida di acquistare una stella, versione Gold quindi a “soli” 250 euro, del Capitano Alessandro Del Piero. Comincia così l’attesa del kit di benvenuto, che diventerà un perfetto regalo, completo di riproduzione della stella personalizzata e maglia commemorativa. Passa il tempo, l’attesa cresce e con essa la curiosità e l’impazienza di ricevere quanto lautamente pagato, sopratutto perchè almeno fino all’inizio della prossima stagione, esso sarà l’unico segno tangibile di quanto acquistato, non essendo ancora pronto lo Stadio. Dopo oltre un mese e mezzo, non avendo ricevuto niente, visitiamo il sito della Juve dedicato all’iniziativa, e nella sezione Faq troviamo cosa fare se non si è ancora ricevuto il kit a casa: scrivere una mail specificando il proprio numero d’ordine. Decidiamo quindi di scrivere, passano 10 giorni, nessuna risposta, e del kit nessuna traccia. Decidiamo allora di scrivere nuovamente, sono passati altri 10 giorni, 20 dalla prima mail, nessuna risposta e nessun pacco ricevuto. Sono passati nel frattempo anche i 2 mesi, che la società bianconera indica come tempo massimo per ricevere il tutto, e rimaniamo alquanto perplessi su come un acquisto tanto oneroso possa essere gestito così. Del resto si tratta semplicemente di incidere una piastra di acciaio con il nome prescelto, nulla di trascendentale. Voi direte, impossibile che non vi sia un’alternativa, ed infatti essa esiste: chiamare un numero dedicato, un 899, con un costo variabile, a seconda dell’operatore con cui si chiama, tra gli 1,5 ed i 2 euro al minuto. Beffa finale, proprio in questi giorni è partita la campagna pubblicitaria che lega la Stella al Natale, noi che l’abbiamo acquistata quando l’estate era appena terminata, ci sentiamo un po’ presi in giro e ci poniamo 2 domande:

- Possibile che la Juventus non riesca a proporre un canale alternativo, tempestivo e sopratutto gratuito, da mettere a disposizione di tifosi che hanno regalato alla società, per amore dei colori bianconeri e per acquistare fondamentalmente un simbolo, dai 250 ai 350 euro, al posto di un 899 dal costo allucinante o di una mail che non fornisce alcuna informazione?

- Siamo sicuri che la nuova campagna pubblicitaria non si possa rivelare un boomerang di tifosi scontenti, perchè pensavano di ricevere il proprio kit entro Natale, ed invece rischiano di vederselo recapitare per Pasqua?

L’iniziativa è bella, ed è un bel modo per portare poi i tifosi allo Stadio il prossimo anno, spinti dalla curiosità di ammirare la propria Stella, incredibile però perdersi in un bicchier d’acqua come questo.

COMUNICAZIONE SULLO STADIO

Veniamo al secondo punto dolente, ovvero la gestione della comunicazione sul nuovo Stadio. Il canale ufficiale bianconero è partito, con colpevole ritardo, solo un paio di mesi fa, fino ad allora aveva supplito a questa carenza informativa l’ottimo blog di Delsa, riportando un continuo aggiornamento di immagini ed informazione, senza il quale fino ad ottobre 2010 avremmo saputo ben poco sull’andamento dei lavori. Creato il nuovo sito, e caricatolo di una serie innumerevoli di grafiche e video accattivanti, è rimasto però una sorta di scatola vuota. I veri aggiornamenti sul proseguio dell’opera, ciò che effettivamente noi tifosi cerchiamo come informazione, sono praticamente inesistenti. Ci si limita per lo più a riportare visite illustri al cantiere, ed a lasciare ampio spazio alla parte commerciale, per carità legittima anzi doverosa, con la vendita dei posti premium. Ciò che però speravamo era di poter avere un canale ufficiale che costantemente monitorasse l’evoluzione del cantiere, con aggiornati report fotografici e news. Ciò invece ha continuato a farlo il blog di Delsa, che però da qualche giorno è misteriosamente finito offline. Sulle cause di questo oscuramento si rincorrono ad oggi voci troppo disparate per cui preferiamo esimerci da un commento, ciò che però ci auguriamo è che la Juve possa supplire a questo black out informativo che si è attualmente creato, dando una valida risposta alle richieste informative dei tifosi.

Tra Stelle e Nuovo Stadio: nel marketing c’è qualcosa che non va

Partiamo con una premessa, il nuovo progetto della casa bianconera lo riteniamo straordinario, rivoluzionario per un paese come l’Italia, e lo seguiamo dalla nascita di questo con grandissimo entusiasmo e cercando di fare da cassa di risonanza, orgogliosi di rappresentare, come spesso accaduto alla Juventus nella sua storia, l’eccellenza italiana da mostrare al mondo.

Ci sembra però altrettanto doveroso sottolineare ciò che attualmente non funziona, più che nei progetti pratici, nella gestione delle leve di marketing e comunicazione, che pure sono state abilmente utilizzare anche negli ultimi mesi, affrontando due temi specifici, la gestione dei tifosi che acquistano una Stella, e la comunicazione ufficiale gestita attraverso il sito dedicato al nuovo Stadio.

STELLE AD INTERMITTENZA

Tutto nasce dalla nostra grande passione per i colori bianconeri. Chi scrive è un cronista, ma innanzitutto un tifoso della Juventus, e come tale si è fatto trascinare dall’iniziativa che permette di mettere il proprio nome accanto a quello del proprio beniamino, o di fare questo splendido regalo ad un altro tifoso della Vecchia Signora. Accade così che ad inizio ottobre si decida di acquistare una stella, versione Gold quindi a “soli” 250 euro, del Capitano Alessandro Del Piero. Comincia così l’attesa del kit di benvenuto, che diventerà un perfetto regalo, completo di riproduzione della stella personalizzata e maglia commemorativa. Passa il tempo, l’attesa cresce e con essa la curiosità e l’impazienza di ricevere quanto lautamente pagato, sopratutto perchè almeno fino all’inizio della prossima stagione, esso sarà l’unico segno tangibile di quanto acquistato, non essendo ancora pronto lo Stadio. Dopo oltre un mese e mezzo, non avendo ricevuto niente, visitiamo il sito della Juve dedicato all’iniziativa, e nella sezione Faq troviamo cosa fare se non si è ancora ricevuto il kit a casa: scrivere una mail specificando il proprio numero d’ordine. Decidiamo quindi di scrivere, passano 10 giorni, nessuna risposta, e del kit nessuna traccia. Decidiamo allora di scrivere nuovamente, sono passati altri 10 giorni, 20 dalla prima mail, nessuna risposta e nessun pacco ricevuto. Sono passati nel frattempo anche i 2 mesi, che la società bianconera indica come tempo massimo per ricevere il tutto, e rimaniamo alquanto perplessi su come un acquisto tanto oneroso possa essere gestito così. Del resto si tratta semplicemente di incidere una piastra di acciaio con il nome prescelto, nulla di trascendentale. Voi direte, impossibile che non vi sia un’alternativa, ed infatti essa esiste: chiamare un numero dedicato, un 899, con un costo variabile, a seconda dell’operatore con cui si chiama, tra gli 1,5 ed i 2 euro al minuto. Beffa finale, proprio in questi giorni è partita la campagna pubblicitaria che lega la Stella al Natale, noi che l’abbiamo acquistata quando l’estate era appena terminata, ci sentiamo un po’ presi in giro e ci poniamo 2 domande:

- Possibile che la Juventus non riesca a proporre un canale alternativo, tempestivo e sopratutto gratuito, da mettere a disposizione di tifosi che hanno regalato alla società, per amore dei colori bianconeri e per acquistare fondamentalmente un simbolo, dai 250 ai 350 euro, al posto di un 899 dal costo allucinante o di una mail che non fornisce alcuna informazione?

- Siamo sicuri che la nuova campagna pubblicitaria non si possa rivelare un boomerang di tifosi scontenti, perchè pensavano di ricevere il proprio kit entro Natale, ed invece rischiano di vederselo recapitare per Pasqua?

L’iniziativa è bella, ed è un bel modo per portare poi i tifosi allo Stadio il prossimo anno, spinti dalla curiosità di ammirare la propria Stella, incredibile però perdersi in un bicchier d’acqua come questo.

COMUNICAZIONE SULLO STADIO

Veniamo al secondo punto dolente, ovvero la gestione della comunicazione sul nuovo Stadio. Il canale ufficiale bianconero è partito, con colpevole ritardo, solo un paio di mesi fa, fino ad allora aveva supplito a questa carenza informativa l’ottimo blog di Delsa, riportando un continuo aggiornamento di immagini ed informazione, senza il quale fino ad ottobre 2010 avremmo saputo ben poco sull’andamento dei lavori. Creato il nuovo sito, e caricatolo di una serie innumerevoli di grafiche e video accattivanti, è rimasto però una sorta di scatola vuota. I veri aggiornamenti sul proseguio dell’opera, ciò che effettivamente noi tifosi cerchiamo come informazione, sono praticamente inesistenti. Ci si limita per lo più a riportare visite illustri al cantiere, ed a lasciare ampio spazio alla parte commerciale, per carità legittima anzi doverosa, con la vendita dei posti premium. Ciò che però speravamo era di poter avere un canale ufficiale che costantemente monitorasse l’evoluzione del cantiere, con aggiornati report fotografici e news. Ciò invece ha continuato a farlo il blog di Delsa, che però da qualche giorno è misteriosamente finito offline. Sulle cause di questo oscuramento si rincorrono ad oggi voci troppo disparate per cui preferiamo esimerci da un commento, ciò che però ci auguriamo è che la Juve possa supplire a questo black out informativo che si è attualmente creato, dando una valida risposta alle richieste informative dei tifosi.


Data:  Martedi  7  Dicembre  2010

Fonte: http://www.canalejuve.it/news/tra-stelle-e-nuovo-stadio-nel-marketing-ce-qualcosa-che-non-va-5007