CHI SIAMO
AUDIOTEL
VOCE
INTERNET
NEWS
CONTATTACI
Buon Pomeriggio
Giovedi  22  Febbraio  2018
servizi e mezzi per le telecomunicazioni
NEWS
ALTRE NEWS
LA TRUFFA DELLE TELEFONATE A 899 E 144

Denunciata la “maga” dei telefoni

Truffa della camorra al telefono

Scoperta dalla Polizia Postale di Imperia una maxi truffa telefonica dell´899 da 6 milioni di euro

Perugia, Polizia Postale scopre truffa numero 899: due arresti

UMBRIA: FRODE TELEFONICA SCOPERTA DA POLIZIA POSTALE, 133 DENUNCIATI


(ASCA) - Perugia, 15 ott - Una truffa ai danni della Telecom Italia con frode da ´´sottoscrizione´´ e da ´´intrusione´´, e´ stata scoperta dalla Polizia postale di Perugia (compartimento Umbria) che in tre anni di indagine ha effettuato analisi di tabulati, servizi di appostamento e pedinamento, arresti e fermi di persone in stato di liberta´, con truffa ai danni di 200 utenti per oltre 2 milioni e 200 mila euro. Dall´inizio dell´indagine, 33 persone sono state arrestate (dicembre 2006) ed ora, altre 133, denunciate all´autorita´ giudiziaria. Sei sono i gruppi criminali individuati ciascuno composto da decine di soggetti; decine anche le societa´ e centri telefonici per lotto, oroscopi e cartomanzia individuati e disattivati. Sono questi i numeri della indagine del compartimento polizia postale e comunicazioni di Perugia (dirigente Vice questore aggiunto Annalisa Lillini) che con i suoi uomini, tutti esperti e specialisti della polizia di Stato, hanno scoperto i meccanismi di truffa. Da una o piu´ linee telefoniche venivano prodotte chiamate di pochissimi secondi verso codici speciali (892, 899, 0088) dal costo, a tariffa flat, di 15 euro iva compresa. Le bollette telefoniche non venivano onorate dai componenti dell´organizzazione che sparivano poco prima del recapito delle spesse. Dai primi calcoli, sembra che il danno stimato sia di oltre 1 milione 500 mila euro gran parte del quale a carico di Telecom Italia Spa. Sono stati individuati 83 eventi di frode con attivazione di linee in Umbria, Emilia Romagna, Toscana e Campania. Un´altra frode messa in atto e´ appunto quella di ´´intrusione´´, ossia violazione delle linee telefoniche di ignari utenti, dalla quali venivano poi originate le chiamate in frode verso i codici dei centri beneficiari delle ´´sottoscrizioni´´.

Decine sono state le installazioni di Telecom manomesse e violate; gli utenti truffati sono centinaia residenti in Umbria, Sardegna, Marche e Toscana. I principali esponenti dell´organizzazione (64 associati) operavano proprio dalla provincia di Perugia e da qui coordinavano una rete di ´´sottoscrittori´´ (coloro cher attivavano le linee senza pagare le bollette) e ´´intrusi´´ cioe´ soggetti che violavano le linee di ignari utenti e i titolari di centri servizi i quali effettuavano una alta mole di chiamate in frode. Nel corso dell´indagine e´ stata scoperta una societa´ inglese e due Svizzere intestatarie dei codici 892 e 899 sui quali far confluire il traffico. Uno dei componenti l´organizzazione era gia´ detenuto in Spagna, arrestato sotto falso nome per traffico di droga.



Data:  Giovedi  15  Ottobre  2009

Fonte: http://www.asca.it/regioni-UMBRIA__FRODE_TELEFONICA_SCOPERTA_DA_POLIZIA_POSTALE__133_DENUNCIATI-434597-umbria-19.html