CHI SIAMO
AUDIOTEL
VOCE
INTERNET
NEWS
CONTATTACI
Buona Sera
Sabato  20  Ottobre  2018
servizi e mezzi per le telecomunicazioni
NEWS
ALTRE NEWS
Sanzioni Antitrust contro numerazioni telefoniche 899


Le sanzioni, che complessivamente sono di 2,43 milioni di euro, spalmate su 13 soggetti sono un´inezia rispetto agli introiti illegittimi ottenuti»

Il provvedimento dell´Antitrust che sanziona 13 società telefoniche per pratica commerciale scorretta, in relazione alle bollette gonfiate da numeri 899 e satellitari, potrebbe farci gridare vittoria: finalmente un´Autorità che mette nero su bianco, sanzionando il triste intreccio di responsabilità che per anni ha massacrato le tasche e la salute psichica di migliaia di utenti. Proprio come da anni denunciamo!!!.

E invece non gioiamo. Prima di tutto perché l´analisi dell´Antitrust, molto precisa, arriva fuori tempo massimo. Da ottobre numeri come gli 899 e i satellitari sono disabilitati in automatico; inoltre le sanzioni, che complessivamente sono di 2,43 milioni di euro, spalmate su 13 soggetti sono un´inezia rispetto agli introiti illegittimi ottenuti da queste società negli anni.

Tra le società sanzionate ci sono Telecom Italia, il dominus del mercato italiano, ed Elsacom, una società appartenente a Finmeccanica (società controllata dal Governo).

Diamo merito all´Antritrust, che in quest´ambito ha agito nel corso degli ultimi mesi da pungolo per l´autorita´ preposta al controllo delle telecomunicazioni, l´Agcom, che ha dimostrato di avere la reattività di un elefante. Per non parlare dei ministri o sottosegretari alle Comunicazioni (i vari Gasparri, Gentiloni e Romani) che impegnati com´erano o sono a gestire la Rai, si sono sempre disinteressati delle ´banali´ bollette gonfiate.

Per risvegliare dal loro torpore Governo e Agcom, ricordiamo che molti operatori, che prima facevano soldi illegittimi con numeri satellitari e 899, si sono riversati verso le numerazioni 48xxx. Numeri ingannevoli, perché usati sia per fare donazioni tramite sms, sia per attivare abbonamenti molto onerosi a servizi erotici e non solo, pubblicizzati con spot truffaldini le cui principali vittime potrebbero essere i bambini.
Un intervento in quest´ambito e´ urgente. Non vorremmo ritrovarci tra qualche anno a ´festeggiare´ un´altra vittoria di Pirro.

Domenico Murrone, Aduc TLC

Data:  Sabato  22  Novembre  2008

Fonte: www.diariodelweb.it